I nostri progetti coccinella

Libretti risparmio

Molti genitori adottivi ci chiedono in che modo possano fare qualcosa in più, rispetto all’annuale quota di adozione, per il proprio bambino o bambina. In questi ultimi anni abbiamo pensato molto a come si potrebbe concretizzare la loro offerta di aiuto e abbiamo concluso che l’idea migliore, più significativa e fattibile, è quella di aprire al bambino un piccolo libretto di risparmio. Adesso i bambini sono piccoli e non hanno molte esigenze, ma quando saranno più grandi avranno delle spese da sostenere, come maggiori tasse da pagare se vorranno frequentare una buona scuola o un buon corso di specializzazione; avranno bisogno di soldi per mantenersi quando saranno in cerca di lavoro, o quando verrà il momento di sposarsi. Naturalmente non potranno prelevare dal conto alcuna somma senza l’autorizzazione nostra e di padre Joseph: questo per evitare che i soldi vengano spesi per scopi diversi da quelli che sono i nostri propositi, cioè di migliorare la vita dei nostri ragazzi.

Chi volesse aprire un libretto di risparmio a nome del bambino può farlo con una cifra non inferiore a є 50. CAUSALE: Progetto libretto risparmio bambino N _____

Laboratorio di sartoria

Per l'anno 2009 abbiamo intenzione di dare il via a un nuovo progetto: si tratta di costruire un laboratorio di sartoria, per quei ragazzi o ragazze, residenti nella Smiling Children's Home o esterni, che dopo il biennio delle scuole superiori non hanno il desiderio o le capacità per continuare gli studi.

Il progetto persegue tre obiettivi:

insegnare un mestiere ai ragazzi/e che frequenteranno il laboratorio e che così potranno rendersi autosufficienti;

il laboratorio potrà inoltre essere sfruttato dalla nostra comunità che avrà la possibilità di confezionare in proprio ciò che occorre ai bambini (divise, abiti, pigiami e camicie da notte…);

in futuro il laboratorio potrà essere utilizzato per eseguire lavori su commissione per l'esterno.

ragazze con un sari ricamato a mano

Le nostre ragazze con un sari che hanno ricamato a mano

Laboratorio di informatica

Per l'anno 2009 abbiamo intenzione di dare il via a un nuovo progetto: si tratta di costruire un laboratorio di informatica.

Da anni stiamo lavorando per assicurare ai nostri bambini un futuro migliore: quando i bambini sono piccoli, è facile mantenerli e farli studiare, ma quando crescono occorre offrire loro strumenti concreti affinché possano rendersi autosufficienti ed affrontare la vita con dignità.

La realizzazione di un laboratorio di informatica costituisce un primo passo verso il raggiungimento dei nostri obiettivi.

Il progetto è rivolto a quei ragazzi o ragazze, residenti nella Smiling Children's Home o esterni, che dopo il biennio delle scuole superiori non hanno il desiderio o le capacità per continuare gli studi, ed anche a quelli che, pur continuando gli studi, vorranno arricchire il loro bagaglio culturale con l'acquisizione di conoscenze sull'uso del computer.

Il progetto persegue due obiettivi: .

offrire ai nostri ragazzi una possibilità in più affinché un domani possano trovare un lavoro;

in futuro il laboratorio potrà essere utilizzato per eseguire lavori su commissione per l'esterno (realizzazione di biglietti di auguri, biglietti da visita, volantini, dépliants,….).

Il cantiere delle menti

Dopo il completamento del 12° anno di scolarità, gli studenti possono accedere agli studi universitari, con i seguenti principali indirizzi:

Laurea in Lettere / Discipline scientifiche / Economia e Commercio; durata di 3 anni.
Lauree in Ingegneria / Architettura / Agraria; durata di 4/5 anni.
Laurea in Medicina; durata di 5 anni e mezzo.

l’Università, a seconda della specializzazione, può avere costi elevatissimi ( la facoltà di Medicina, ad esempio, viene a costare circa 5.000 euro all’anno). E’ ovvio quindi che, in India, possono accedere all’Università solo persone di ceto medio-alto e non certo studenti di caste inferiori.

Fra i nostri ragazzi, appartenenti tutti alle caste più povere, ce ne sono alcuni molto dotati, intelligenti e determinati ad affermarsi conseguendo una laurea. Ma i loro genitori adottivi, pur con sacrifici e grande buona volontà, non sempre riescono a sobbarcarsi tutta la spesa del mantenimento agli studi, considerando anche che le sedi dell’Università sono in altre città a volte molto lontane, e quindi occorre pagare anche il vitto e l’alloggio in un ostello.

Sarebbe un vero peccato che abbandonassero gli studi! In questi casi Lankama interviene finanziariamente, integrando le quote di adozione dei genitori adottivi. Attualmente sosteniamo diversi ragazzi e ragazze che si stanno laureando in ingegneria ed economia finanziaria.

Alekya, 22 anni, all’ingresso della sua università a Trivandrum, capitale del Kerala. Quest’anno si laurea in Ingegneria elettronica. In una lettera alla sua mamma adottiva a Roma, fra le altre cose ha scritto:

“Quando sarò laureata otterrò un buon posto di lavoro con un buon stipendio, e allora adotterò due bambini della Smiling Children’s Home, perché io so cosa significa essere orfani, non avere nessuno al mondo e trovare una mamma adottiva che ti aiuta a studiare”

Fotografia di Alekya